Statement

Claudia Ponzi

Padova, 1988

Lavora e studia tra Milano e Padova.
I lavori sono la comunione di più dimensioni spesso narrative che attraverso la processualità comprendono le proprie necessità e identità. L’artista con una sensorialità che attecchisce in una pratica che va a ricercare e rivelare emozioni, prima percorre l’istintività processuale, poi procede con uno studio mentale e di ricerca, che guarda verso più direzioni. Da un lato pone lo spettatore in una relazione delicata con l’imbarazzo, ironicamente mettendo in scena elementi vibrazionali che a volte ci fanno rivivere la scoperta della sessualità. Dall’altro lato realizza sogni alla ricerca di realtà utopiche nel tentativo di capovolgere piccole dimensioni sociali nel desiderio di trasformare o raccontare sottili elementi della quotidianità. La performance si compone di un carattere sia costruito che spontaneo poiché analizza non solo l’azione dell’artista ma anche la modalità con cui il corpo del pubblico si relaziona, s’immerge e a volte si mimetizza all’interno dello spazio architettonico e in relazione alle opere stesse. La sottile dimensione narrativa gioca in uno spazio tra infanzia ludica e sessualità componendo dichiarazioni d’amore, rivolte a una collettività attraverso: la performance, il video, la fotografia e il disegno.

Claudia_Ponzi_visual_artist_arte_contemporanea_installazione_video_pittura_Claudia_Ponzi_performance_giovane_artista_donna